BIM e patrimonio edilizio scolastico

Ti trovi qui: News - BIM - BIM e patrimonio edilizio scolastico
2018
BIM

BIM e patrimonio edilizio scolastico

Il caso studio del Comune di Melzo illustra come la gestione del patrimonio edilizio scolastico esistente trovi, nella modellazione informativa BIM, una metodologia che integra e coordina diversi aspetti: dalla valutazione delle priorità di intervento, alla definizione delle strategie, fino alla gestione delle gare per la selezione dei professionisti e delle imprese.

 

Nel saggio dell’arch. Di Giuda vengono illustrati due progetti condotti dal Comune di Melzo mediante l’implementazione della modellazione informativa BIM applicata al patrimonio edilizio scolastico esistente e alla nuova costruzione

 

Il BIM per il patrimonio edilizio scolastico esistente

Il primo progetto ha riguardato il patrimonio edilizio scolastico esistente, e ha avuto come obiettivo la valutazione degli edifici scolastici di proprietà del Comune, con particolare riferimento alla gestione delle scuole primarie e secondarie, al fine di migliorarne l’efficienza nella gestione. 

 

L’analisi supportata dal BIM si è concentrata: 

  • sulla definizione degli indici di occupazione degli ambienti, anche in relazione alle prospettive di incremento demografico previsto dall’amministrazione nei prossimi vent’anni
  • le spese di gestione per i singoli edifici, andando ad evidenziare il costo medio annuo per alunno e potendo quindi evidenziare le prime criticità sulla gestione del patrimonio esistente

 

In un secondo momento, per tre delle quattro scuole analizzate, è stata raccolta tutta la documentazione necessaria alla creazione dell’archivio digitale e alla modellazione e parametrizzazione delle prestazioni residue degli edifici. Sulla base di questa documentazione multidisciplinare sono stati ricreati i modelli digitali BIM corrispondenti esattamente alla situazione di Stato di Fatto sia come prestazioni, che come consumi e comportamenti in relazione alle modalità d’uso dell’edificio.

 

A partire da questi modelli sono state simulate diverse ipotesi di intervento, valutando, in tempo reale, i comportamenti energetici, i costi di interventi, i risparmi in termini di consumi di energia elettrica e termica e misurando la distanza tra le prestazioni residue, i requisiti normativi e i valori di progetto.

 

L’implementazione di una piattaforma di modellazione informativa BIM flessibile, implementabile e dinamica ha consentito all’amministrazione di valutare in modo puntuale diverse soluzioni di intervento.

 

Il BIM per la progettazione e costruzione dei nuovi edifici scolastici

Il secondo progetto ha affrontato il tema della nuova costruzione di un edificio scolastico. Nell’ottica di una gestione informativa complessiva, il flusso informativo relativo al nuovo edificio è stato inserito in un Common Data Environment, cioè in un ambiente comune di dati riguardanti il patrimonio edilizio scolastico del Comune di Melzo nel suo complesso. 

Il progetto della nuova scuola primaria, recentemente completata, è stato affrontato per intero con metodologia BIM-oriented. Dal modello sono stati derivati tutti i documenti necessari per la gestione di una gara con Offerta Economicamente più Vantaggiosa e la valutazione è stata effettuata seguendo quattro tipologie di assegnazione dei punteggi: 

  • valutazione quantitativa 
  • valutazione qualitativa secondo classi quantitative 
  • possesso di requisiti ulteriori rispetto a quelli necessari alla partecipazione alla gara 
  • valutazioni oggettive di soluzioni tecnologiche e dettagli costruttivi

Modellazione Informativa per il patrimonio scolastico di Melzo

 
 
 
20-11-2018
L'obbligo del BIM negli appalti per Cortina 2021
Realizzato da w-easy