Giochi Olimpici Invernali Milano-Cortina 2026: un processo per garantire sostenibilità

Ti trovi qui: News - BIM - Pubblicazioni BIM - Milano-Cortina 2026: un processo per garantire la sostenibilità
26-06-2019
Pubblicazioni BIM

Giochi Olimpici Invernali Milano-Cortina 2026: un processo per garantire sostenibilità

Giochi-Olimpici-Invernali-Milano-Cortina-2026

Dopo l’assegnazione a Milano-Cortina, dei Giochi Olimpici Invernali del 2026 di cui tutta l’Italia è inebriata, vale la pena di leggere in maniera approfondita il documento di candidatura presentato al Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

Nel documento, al capitolo 4 -“ SOSTENIBILITÀ’ E LEGACY”- vi è una dettagliata descrizione di quanto il promotore dei giochi olimpici intende per sostenibilità.

Premesso che tale obiettivo è il risultato di componenti diverse:

  • ambientale
  • economica
  • sociale

la cui somma genera altri risultati:

  • ambientale + sociale = vivibile
  • sociale + economico = equo
  • economico + ambientale = realizzabile

obiettivi

È necessario ricordare che la precedente edizione dei Giochi Olimpici Invernali in Italia: Torino 2006 è stato un esempio non virtuoso di spesa del denaro pubblico.

Oggi il Committente di opere pubbliche e private può avvalersi di processi quali il BIM: Bulding Information Model(l)ing per il controllo:

  • dei tempi di realizzazione
  • dei costi di esecuzione e successiva manutenzione
  • della qualità dell’opera

E’ quindi opportuno che il cosiddetto “Decreto Baratono” DM n. 560 del 1 dicembre 2017, che troverà piena attuazione per tutti i progetti pubblici dal 2025, sia volontariamente anticipato nella sua applicazione.

Auspico che l’Agenzia di Progettazione Olimpica si avvalga del processo BIM, per tutti gli interventi edilizi, infrastrutturali e di rete, da realizzare nelle aree interessate dai giochi olimpici invernali di Milano-Cortina 2026.

03-06-2019
La gestione della sicurezza nei cantieri
01-07-2019
Milano-Cortina 2026: La sicurezza in BIM
Realizzato da w-easy