Sicurezza negli ambienti confinati

Ti trovi qui: News - Linee guida - Linee guida lavori in ambienti confinati - Sicurezza negli ambienti confinati
2016
Linee guida lavori in ambienti confinati

Sicurezza negli ambienti confinati

Sicurezza negli ambienti confinati

Linee guida operativa pubblicata dall'ISPESL nel 2008 sui rischi specifici nell'accesso in ambienti confinati o sospetti di inquinamento.

A. fornisce indicazioni tecniche per la corretta e piena applicazione dell'art. 66 del D.Lgs 81/08 e ss.mm.ii ai datori di lavoro e operatori

Articolo 66 - Lavori in ambienti sospetti di inquinamento. "È vietato consentire l’accesso dei lavoratori in pozzi neri, fogne, camini, fosse, gallerie e in generale in ambienti e recipienti, condutture, caldaie e simili, ove sia possibile il rilascio di gas deleteri, senza che sia stata previamente accertata l’assenza di pericolo per la vita e l’integrità fisica dei lavoratori medesimi, ovvero senza previo risanamento dell’atmosfera mediante ventilazione o altri mezzi idonei. Quando possa esservi dubbio sulla pericolosità dell’atmosfera, i lavoratori devono essere legati con cintura di sicurezza, vigilati per tutta la durata del lavoro e, ove occorra, forniti di apparecchi di protezione. L’apertura di accesso a detti luoghi deve avere dimensioni tali da poter consentire l’agevole recupero di un lavoratore privo di sensi."

B. costituisce un valido approfondimento per quanti operano in ambiente confinato o sospetto d'inquinamento.

L'obiettivo dei redattori è la riduzione del numero degli infortuni spesso gravi e mortali, derivanti dalla scarsa consapevolezza del rischio, dalla superficialità e dall'insufficiente conoscenza dei fenomeni dovuti da atmosfere pericolose (asfissianti, tossiche, infiammabili ed esplosive) con l'ulteriore aggravante della diminuzione delle scarse misure di prevenzione e protezione e le inadeguate misure per la gestione dell'emergenza.

01-06-2016
Sicurezza operatori impianti depurazione acque reflue
Realizzato da w-easy